Mangia delle vongole e si risveglia completamente paralizzata

È una disavventura veramente drammatica quella che è capitata a una donna che in Nuova Zelanda ha mangiato alcune vongole raccolte sulla spiaggia e si è risvegliata il giorno successivo completamente paralizzata.

vongole
Mangiare delle vongole appena raccolte è costato molto caro a questa donna

Insomma, quella che sembrava essere una giornata come tutte le altre si è trasformata in una vicenda sicuramente da dimenticare.

La donna aveva infatti raccolto delle vongole in spiaggia e le aveva mangiate come se niente fosse: dopo poche ore, però, la sgradita sorpresa.

La donna è infatti rimasta completamente paralizzata!

Ma che cosa è successo? Perché si è verificato tutto ciò?

Un incubo diventato realtà

Suo malgrado, la protagonista di questa storia si chiama Kim Taia ed è una donna neozelandese che preferirebbe dimenticare quanto accaduto.

vongole
Kim non dimenticherà mai quanto accaduto!

Kim è infatti stata ricoverata in ospedale completamente paralizzata e qui, solo dopo 12 ore di cure, è riuscita finalmente a muovere qualche muscolo. Ma come mai?

Stando a quanto hanno ricostruito i medici, Kim avrebbe a sua insaputa ingerito il veleno paralizzante dei bivalvi, una biotossina che è presente in natura e che viene prodotta da una microalga in grado di contaminare le vongole e altri molluschi.

Kim oggi sta sicuramente meglio, ma la paura per questa esperienza non è certamente passata, tanto che sul web si sta impegnando per sensibilizzare tutti gli utenti sui rischi di mangiare vongole e molluschi non controllati.

Ricordando quei terribili momenti, poi, Kim rivela che dopo poche ore dall’aver mangiato le vongole la sua testa ha iniziato a intorpidirsi e che si sentiva stordita.

Kim dichiara di aver smesso di parlare chiaramente e si domandava che cosa c’era che non andava, considerato che stava iniziando a perdere sensibilità alle mani e alle braccia.

Vedendo che la situazione stava degenerando, e che non riusciva più a parlare, il figlio ha chiamato l’ambulanza.

Ricoverata in ospedale la donna ricorda di sentirsi come se fosse sotto anestesia, sempre più debole, con il respiro lento e l’impressione di stare per morire. I medici sono fortunatamente riusciti a salvarla, ma i ricordi di quei momenti rimarranno per sempre!