Tragedia in piscina: muore un bambino di soli 3 anni

Nuova tragedia in piscina. Un bambino di 3 anni è infatti morto dopo essere annegato nella piscina della villa dei nonni: è accaduto a Bibbona, in provincia di Livorno.

piscina
Una tragedia in piscina: cosa è accaduto a Bibbona

Ancora una volta l’estate italiana si funesta con una notizia tragica, che sconvolge l’opinione pubblica in tutta la sua crudezza.

Questa volta a farne le spese è un bambino di soli 3 anni, morto annegato nella piscina della villa dei nonni, una famiglia di origine milanese che si trovava a Bibbona, in provincia di Livorno, per qualche giorno di relax.

Stando a quanto ricostruiscono le fonti giornalistiche, i familiari si sono immediatamente accorti della caduta in acqua del piccolo ma, nonostante tutti gli sforzi (è stato coinvolto anche l’elisoccorso) non c’è stato niente da fare per salvare la vita al bimbo.

Una caduta accidentale è stata fatale

Anche se si sta ancora cercando di ricostruire tutto l’accaduto, pare che il bambino sia finito in acqua in maniera accidentale, forse sfuggendo all’attenzione dei propri familiari.

piscina
L’annegamento è sopraggiunto in pochi secondi

Nonostante l’intervento tempestivo dei presenti, la morte è sopraggiunta poco dopo: pare infatti che il bambino avesse ingerito una grande quantità di acqua, pur nella brevità del suo annegamento.

Ancora una volta, il caso concreto con cui dobbiamo confrontarci non può che farci ricordare quanto sia importante mantenere un elevato livello di allerta da parte di tutti gli adulti nel momento in cui si portano i propri piccoli al mare o in piscina.

Come ci dimostra questa incredibile vicenda, infatti, sono sufficienti pochi secondi di disattenzione per porre le basi a un drammatico epilogo. Un bambino che cade accidentalmente in una piscina con acqua alta, senza supporti e senza la capacità di nuoto, non può infatti gestire la situazione straordinaria nella quale si è venuto a creare e, spesso, l’annegamento avviene in modo silenzioso e rapido.