Ezio Greggio dal cuore grande: il gesto in onore del padre

Ancora una volta il famoso conduttore non si è tirato indietro dal compiere un gesto caritatevole, e schierarsi a favore dei bisognosi. Stavolta la sua attenzione è stata rivolta verso tutti coloro che soffrono le disgrazie della guerra in Ucraina. Il suo gesto è stato davvero onorevole.

Ezio Greggio ancora una volta si è offerto per compiere un bel gesto, verso chi è vittima delle ingiustizie della vita. Il famoso conduttore e attore, è conosciuto per la sua forte ironia e simpatia, ma anche la sua grande generosità e gentilezza, lo rendono un uomo molto stimato e apprezzato. In passato, Ezio aveva già fatto un gesto molto caritatevole, donando migliaia di incubatrici per i bambini, a numerosi ospedali tra cui Genova, Palermo, Pavia, Olbia, Torino, ecc.

ezio greggio
Ezio Greggio

O ancora, l’organizzazione di una cena di beneficenza, i cui fondi sarebbero andati al reparto di Pediatria dell’ospedale di Borgomanero, come aiuto ai bambini nati prematuri, destinati all’acquisto di un macchinario, per la ventilazione per l’ossigenoterapia in grado di aiutare i bambini problemi legati  all’apparato respiratorio. Insomma, il conduttore non perde occasione per rendersi utile, ad aiutare il prossimo con qualsiasi mezzo.

La bontà di Ezio Greggio

Stavolta, a ricevere il suo intervento, è stato un centro profughi per guerra ucraina, a cui è stato inviato un pullman, tra il confine della Polonia e dell’Ucraina. Grazie a questo intervento, sono state trasportate una cinquantina di persone, dando la precedenza a madri e figli, mentre i padri sono rimasti per combattere in guerra. L’arrivo era previsto nella località di Cologno Monzese, in un grande spiazzo in cui, all’arrivo, i profughi sono stati accolti con dei banconi pieni di cibo e bevande, prima di essere poi trasferiti in strutture apposite e/o da amici, parenti, in tutta Italia.

ezio greggio beneficenza
Ezio Greggio assiste i profughi arrivati dagli accampamenti della guerra (foto di twitter)

Ezio Greggio afferma “I racconti sono stati terribili: distruzione, morte, paura che ogni rumore possa essere una bomba“. L’iniziativa continuerà finchè non sarà tutto finito, racconta  il conduttore. Al ritorno, il pullman è stato fatto partire con il trasporto di beni di prima necessità, come farmaci, prodotti per bambini, ecc. In un viaggio che dura in media un giorno intero.

Il gesto di Ezio Greggio è stato fatto anche in memoria del padre che, come racconta lui stesso, era stato testimone della crudeltà dei lager nazisti, durante la II Guerra Mondiale, di cui gli parlava spesso “Conosco il dolore attraverso i racconti di mio padre”. Il suo è un gesto che sicuramente avrebbe reso suo padre molto orgoglioso.