Crisi per Cristiano Ronaldo: i terribili pensieri non lo abbandonano

Cristiano Ronaldo non è certamente nel suo miglior periodo di carriera: un declino inesorabile per il campione.

Cristiano Ronaldo
Cristiano Ronaldo: la triste storia | FOTO ANSA.IT

Cristiano Ronaldo è ancora oggi considerato uno dei migliori giocatori della storia del calcio e per un periodo di tempo è stato anche il calciatore più forte al mondo al pari di Lionel Messi, ma oggi qualcosa è certamente cambiato. L’asso portoghese non è più quello di una volta e la dimostrazione è arrivata proprio dall’ultima sessione di calciomercato.

CR7 è un campione a tutti gli effetti, nel corso della sua carriera ha conquistato 5 Palloni d’Oro portando a casa decine e decine di trofei, sia di squadra che individuali. È considerato lo sportivo più famoso del mondo e il suo volto è ormai un’icona anche per le aziende che lo scelgono come testimonial per i loro prodotti.

Averlo nella propria squadra è un sogno per tutti i tifosi, ma a quanto pare le società non sono dello stesso avviso: questo perché durante l’ultima sessione estiva di calciomercato Cristiano Ronaldo è stato offerto a numerose squadre, ma clamorosamente è stato rifiutato da tutte.

Cristiano Ronaldo non lo vuole nessuno

Dopo la sua ultima annata al Manchester United conclusa non nel migliore dei modi per la squadra inglese, Cristiano Ronaldo ha fatto di tutto per andarsene. Il suo procuratore Jorge Mendes nel corso dei 3 mesi estivi di calciomercato ha contattato varie squadre per offrire il suo assistito, ma clamorosamente ottenendo netti rifiuti da parte delle società.

Cristiano Ronaldo
Il declino inesorabile di Ronaldo | FOTO ANSA.IT

Si è parlato tanto di Italia con il fuoriclasse di Madeira che sembrava a un passo dal vestire la maglia del Napoli negli ultimi giorni di agosto, ma così non è stato: Ronaldo è rimasto a Manchester e dovrà accontentarsi, almeno fino al mercato di gennaio quando il suo procuratore avrà un ulteriore mese per cercare degli acquirenti disposti a comprare CR7.

Una storia bizzarra e paradossale, fino a qualche anno fa le società avrebbero fatto carte false per avere Ronaldo in squadra, ma adesso la storia è cambiata: vuoi per l’ingaggio troppo alto, vuoi per l’avanzare inesorabile dell’età del calciatore, ma Ronaldo non è considerato quello di tempo, per alcune squadre sarebbe addirittura un peso. Non ci resta che aspettare il prossimo mercato per capire come finirà questa triste storia di un campione in declino.