Italiano a Cuba: una vacanza mortale

Drammatica vicenda accaduta ad un connazionale italiano in vacanza a Cuba per il ponte di ferragosto con i suoi amici. Il carabiniere di 50 anni, che alloggiava in una casa in affitto, mercoledì ha accusato i primi sintomi di malessere, ed il giorno dopo ha deciso di recarsi da un medico.

Germano Mancini: una vacanza letale
Una vacanza letale per il nostro connazionale

Qui è stata presa la decisione di trasportarlo d’urgenza in ospedale e di ricoverarlo, dopo aver subito una crisi cardiaca dalla quale si è ripreso, ma le sue condizioni, rimaste critiche per diverso tempo, sono precipitate e nel pomeriggio di domenica 21, l’uomo è morto.

Ma chi è Germano Mancini e perché è morto?

Da poco comandante della stazione di Scorzè -in provincia di Venezia-, Germano Mancini, era originario di Pescara ma risiedeva a Noale da diverso tempo.

Il Ministero della salute pubblica cubano, riferisce in un comunicato che le sue condizioni erano critiche ed instabili sin dal 18 agosto, ma che in tre giorni “si sono rapidamente evolute verso la gravità”.

vaiolo delle scimmie
Qual è la malattia virale che ha trasformato un ponte di ferragosto in una tragedia?

Secondo le autorità, era il primo caso affetto di vaiolo delle scimmie (monkeypox) diagnosticato sull’isola cubana. E’ il primo italiano a morire di questa malattia virale, che sta raggiungendo numeri preoccupanti anche in Italia, senza tuttavia riportare decessi nel nostro paese.

Più nello specifico, con il comandante Mancini, salgono a 714 i casi di vaiolo delle scimmie in Italia; un numero non indifferente, se si considera che sono stati registrati 52 in più rispetto ad una settimana fa. Tra questi, 194 sono collegati a viaggi all’estero.

Secondo quanto riportano i dati, l’infezione continua a colpire quasi esclusivamente i maschi (che costituiscono la quasi totalità dei casi) di cui l’età mediana è di 37 anni.

Il ministero ha aggiunto che “Il rapporto dell’autopsia effettuata presso l’Istituto di Medicina Legale conclude che la morte è stata causata da sepsi dovuta a broncopolmonite con germe indeterminato e danni multipli d’organo come causa della morte”, escludendo ulteriori patologie infettive nel paziente.

Tutti coloro che hanno avuto contatti con il carabiniere, sono in isolamento, ma per il momento non hanno presentato sintomi della patologia. Questo è quanto riporta la nota diffusa dal Ministero della salute pubblica.